Alzheimer cafè

Il primo Alzheimer Café nasce a Leida, in Olanda, nel 1997, per volontà dello psicogeriatra Bère Miesen. In brevissimo tempo gli Alzheimer Café si diffondono in tutta Europa, diventando una realtà riconosciuta anche in Italia.

Questo progetto si sviluppa con l’intento di stimolare un miglioramento dei disturbi comportamentali del paziente e mira ad alleggerire il carico di cura e di gestione da parte dei familiari.

Si concretizza in una serie di incontri dedicati ai malati di Alzheimer (o altre forme di demenza) accompagnati da familiari o da assistenti familiari (badanti), e che hanno l’obiettivo di far trascorrere loro del tempo fuori casa, in maniera piacevole e spensierata, in un clima disteso e divertente.

Durante gli incontri vengono proposti giochi, attività musicali, semplici esercizi per preservare le funzioni cognitive presenti, in modo da favorire lo scambio positivo tra malato – familiare  – assistente familiare , rispondendo ai bisogni di socializzazione sia del malato, sia della famiglia.

Le attività proposte hanno quindi l’obiettivo di migliorare la qualità della vita del malato e dei suoi familiari, hanno carattere ludico aggregativo e si basano prevalentemente sulla musicoterapia.

La scelta dell’impiego di questa disciplina è validata dall’America Accademy of Neurology che, dal 2001, ha indicato questa come una tecnica in grado di migliorare le attività funzionali e di ridurre i disturbi del comportamento nel malato di Alzheimer.
La musica rappresenta, infatti, un importante veicolo per rievocare ricordi, far vivere/rivivere emozioni; rappresenta una modalità privilegiata per “toccare il cuore”, per dare sicurezza e far sentire i malati adeguati, sereni risvegliando ricordi ed emozioni sopite.

La musica viene sperimentata in tutte le sue possibili declinazioni: ascolto, canto, ballo, suono di strumenti musicali di facile fruibilità (maracas, tamburelli, sonagli…).

L’intervento è condotto da una psicologa esperta in psicologia dell’invecchiamento, in collaborazione con un musicoterapeuta.

Ogni incontro ha una durata media di due ore, la partecipazione è libera e gratuita ma è necessario iscriversi.

Il calendario è così organizzato:

  • Municipio 2
    tutti i mercoledì dalle 15:00
    RSA “Pindaro” – via Pindaro 44
  • Municipio 3
    tutti i mercoledì dalle 15:00
    CSRC “Ricordi” – via Boscovich 42
  • Municipio 5
    tutti i martedì dalle 15
    Centro Polivalente ” Il posto delle fragole” – via Spaventa 19
  • Municipio 6
    tutti i martedì dalle 15
    Spazio “SeiCentro” – via Savona 99

Per informazioni e iscrizioni:
02.84893234
info@piccoloprincipeonlus.org